Il network tecnico-professionale e progettuale del sistema superficie e rivestimento

IMPERATIVO CONTEMPORANEO

Una casa dalle forme semplici e pulite, dove l’alternanza di volumi lega gli ambienti esterni con quelli interni. Per una visione d’insieme dall’elevato effetto materico. Nell’ultimo periodo (causa emergenza sanitaria Coronavirus) in cui la casa è diventata la soluzione per stare meglio, infatti, abbiamo bisogno di nuovi approcci contemporanei, che guardino al futuro.

Residenza privata unifamiliare

Siamo a Pieve di Cento, un paesino della città metropolitana di Bologna, dove lo studio Giraldi Associati Architetti ha progettato una residenza privata unifamiliare con una superficie di 230 metri quadrati, oltre ad altri 400 metri quadrati di giardino. L’edificio si trova in una zona urbana che dista dal centro del comune soltanto 500 metri ed è caratterizzata da una bassa densità edilizia che si materializza in un tessuto abitativo di villette e piccoli complessi immobiliari a carattere condominiale con massimo tre piani.

Forme semplici e pulite

La casa rispetto al contesto ha forme semplici e pulite, con un’alternanza di volumi che rendono parzialmente leggibile dall’esterno la funzione dei diversi ambienti. Quattro le viste dell’abitazione che dialogano con lo stesso linguaggio materico e volumetrico. L’altro elemento disgiunto dall’intorno riguarda la scelta dei materiali. L’edificio offre sensazioni tattili. A partire dal cemento armato a vista che rappresenta il tema dominante. La visione d’insieme è arricchita da ampie superfici vetrate, brise soleil, legno lamellare e tende in tessuto riflettente.

Arredi lineari e dettagli barocchi

L’immobile si sviluppa su due livelli, un piano terra e un primo piano. Al piano terra si trova la zona living dalla quale si accede alla sala da pranzo e sul lato opposto alla cucina. Il soggiorno è suddiviso in due zone da una parete in pietra che accoglie al suo interno un camino. L’arredo semplice e lineare della zona living, caratterizzato dalla presenza dello spazioso divano giallo e della libreria, si contrappone alle scelte barocche della sala da pranzo, dove un tavolo di legno intarsiato occupa prepotentemente lo spazio. Da qui si accede, passando sotto la scala che porta al primo piano, alla cucina: un ambiente semplice ed essenziale. Qui, il colore degli oggetti emerge dal candore della mobilia. Completano il piano terra un locale lavanderia, un bagno e un locale tecnico dove si trova la caldaia.

Dalla scala al primo piano

Dalla scala, che parte dal soggiorno, si accede al primo piano che è composto da uno studio e un salotto dai quali si accede alla terrazza esterna. Dal salotto, con ampie vetrate che danno all’esterno, parte un lungo corridoio che attraversa trasversalmente tutto il primo piano, passando dalla camera matrimoniale ricavata dal patio, alla cabina armadio, al bagno per arrivare all’accesso a un’altra camera.

Finiture interne

I pavimenti al piano terra, sia in interno che in esterno, sono in piastrelle di gres porcellanato. La stessa pavimentazione al piano primo per il salotto e la terrazza esterna. Mentre per la parte rimanente del piano (camere, corridoi e bagni) è stata utilizzata una pavimentazione in parquet di noce pretrattato per ottenere una finitura grezza. Nel locale ingresso-soggiorno, sulla parete dove è stato inserito il caminetto, è stato realizzato un rivestimento in pietra su entrambi i lati. Tutte le altre pareti di divisione in laterizio sono state finite con una placcatura con lastre di cartongesso e
tinteggiate di bianco. Infine, le porte interne sono in legno laccato.

Elementi strutturali

L’edificio è stato realizzato utilizzando materiali tipici, con struttura in pareti in cemento armato e acciaio. Per una piccola porzione indipendente (il patio), è stata inserita una struttura intelaiata in legno. Ecco nel dettaglio gli elementi strutturali.

  • Fondazione: è costituita da una platea in cemento armato realizzata su un mogrone di calcestruzzo e uno strato di ghiaia.
  • Solaio al primo livello: costituito da travi di acciaio e progettato su lamiera grecata.
  • Solai: sono a piastra di spessore 25 cm per la zona relativa all’ingresso e allo studio, mentre la tipologia predalles è prevista per le altre zone del primo piano e per le coperture.
  • Struttura in legno: realizzata con legno lamellare di tipo GL28C con giunzioni travi-pilastro di dimensione 24×26 cm, mentre i pilastri sono di sezione 24×40 cm. Le giunzioni di fondazione sono state pensate e realizzate per funzione a cerniere. Inoltre, per una migliore connessione tra le due strutture di diverso materiale è stata prolungata la soletta strutturale.

Questo articolo è la storia di copertina di Floor&Wall n. 5