Il network tecnico-professionale e progettuale del sistema superficie e rivestimento

Immersi nel comfort acustico

I pannelli isolspace style sono protagonisti di un intervento di fit out per un ufficio open space a Milano. I lavori sono stati curati dai progettisti di Cushman & Wakefield.

Un mix di scelte progettuali

Il risultato del progetto è frutto di un mix di scelte e soluzioni orientate al massimo benessere, come i pannelli fonoassorbenti di design della gamma isolspace. L’intervento è stato realizzato nel nuovo ufficio di 800 mq del gruppo Lloyd’s Register all’interno di un edificio a ridosso dell’area NoLo di Milano. Proprio in quest’area, infatti, si stanno sviluppando nuovi spazi per coworking e servizi.

La riorganizzazione degli spazi

Le operazioni di riorganizzazione degli spazi sono state tecnicamente complesse per via della conformazione della struttura. L’edificio presentava, infatti, altezze troppo ridotte e un controsoffitto in cartongesso continuo, con altezze minime tra plafone e intradosso del solaio, con ridotte possibilità di intervento sul controsoffitto, con impianti di illuminazione esistenti che sarebbero stati poi recuperati.

Ciò nonostante, il team di architetti ha ottenuto risultati ottimali sia in termini di fonoassorbenza sia dal punto di vista del design degli ambienti.

Versatilità e personalizzazione dei pannelli isolspace style

Grazie alla versatilità e all’alto tasso di personalizzazione dei pannelli fonoassorbenti isolspace style si è potuto realizzare una correzione acustica della grande area open space e di tre sale riunioni (una sala training e due sale meeting). Si è così assicurato comfort e benessere a tutti coloro che occuperanno i nuovi uffici di Lloyd’s Register.

La parola al team di progettazione

«Abbiamo scelto i pannelli isolspace – spiega il team di progettazione di Cushman & Wakefield – per le loro intrinseche caratteristiche tecniche. Abbiamo sfruttato il vantaggio del prodotto non imbottito (monomateriale) e la possibilità di poter “plasmare” il prodotto in relazione alle esigenze progettuali. Così facendo siamo riusciti a rispettare la normativa antincendio, che spesso ci impone l’utilizzo di prodotti certificati 1IM che abbinano fibre di scarsa qualità estetica a un rivestimento in tessuto. Queste peculiarità di isolspace ci hanno permesso di riproporre a soffitto il particolare disegno che caratterizza il pavimento in moquette. I pannelli riflettono le direttici geometriche della pavimentazione in un gioco di rimandi e di linee spezzate che contribuisce a definire lo spazio».

Materia prima facilmente lavorabile

Isolspace style ha una materia prima facilmente lavorabile, senza soluzione di continuità tra il progetto e la realizzazione vera propria. Isolspace style si trasforma a seconda delle diverse necessità progettuali per dare vita a opere di design.

Schema di trapezi e triangoli

I pannelli fonoassorbenti impiegati per l’ufficio milanese di Lloyd’s Register sono tutti di colore bianco e applicati con velcro a soffitto su una superficie totale di 490 mq. I pannelli sono stati sagomati riprendendo le linee della moquette secondo uno schema di trapezi e triangoli che si intervallano al sistema di illuminazione e alle isole di controsoffitto, creando così un’intersezione di elementi e diagonali.

Lavorazione e applicazione custom made

La forma di ciascun pannello isolspace style è stata realizzata custom made. Tale personalizzazione richiede un lavoro di massima precisione sia in fase di produzione e taglio dei pannelli sia da parte degli applicatori che hanno eseguito la posa. La customizzazione è uno dei punti di forza di isolspace. Una caratteristica resa possibile dalla versatilità della materia prima e dalle capacità del team produttivo, cui segue un controllo qualità che verifica ogni singolo pezzo.

La parola a Biesse, general contractor

«L’installazione dei pannelli – conferma Alberto Savarola, amministratore delegato di Biesse, società che si è occupata delle opere di fit out in qualità di general contractor – ha richiesto un’applicazione casellaria e curata al millimetro per rispecchiare lo schema previsto. Questo progetto ha rappresentato la nostra prima collaborazione con isolspace e possiamo ritenerci soddisfatti di quanto fatto. Una posa accurata e un disegno che dà valore aggiunto dal punto di vista estetico al progetto».

Elevata correzione del riverbero e impatto visivo d’effetto

«Grazie al connubio tra progettualità, posa e versatilità di isolspace style – riferisce il team di progettazione di Cushman & Wakefield – abbiamo ottenuto performance eccellenti dal punto di vista acustico. Abbiamo rilevato un’elevata correzione del riverbero. Ciò si percepisce confrontando le diverse aree con la zona break dove non sono stati installati i pannelli. Ottimi risultati anche per quanto riguarda lo stile, con un impatto visivo di grande effetto».

DETTAGLI DEL PROGETTO
  • Progettazione, interior design, direzione lavori, project management: Cushman & Wakefield:
  • Lamberto Agostini: Arch. LEED Ga, International Partner; Head of Project & Development Service Italy and Southern Europe
  • Maida Cattaneo: Interior Designer, Project Manager, Associate; Project & Development Services
  • Pietro Dormia: Arch. Project & Development Service
  • Superficie ufficio: 800 mq; Area installazione pannelli (tra open space e sale riunioni isolspace style: 490 mq; Superficie totale pannelli isolspace style: 236 mq
  • General contractor: Biesse