Il network tecnico-professionale e progettuale del sistema superficie e rivestimento

Lapitec per il loft vincitore del Silver Interiors Award 2020

Il magnifico appartamento, situato nel centro storico di Atene, è stato completato solo pochi mesi fa e ha già ottenuto il riconoscimento dell’Interior Awards 2020. Categoria Ristrutturazione di appartamenti sopra i 100 mq: Iridou Attikou Apartment. Firmato dallo studio greco AK Praxis, il loft occupa il secondo piano di un complesso anni ’50 di Atene e si affaccia sul National Garden e il Palazzo Presidenziale. A poca distanza dal massiccio dell’Acropoli con le sue monumentali rovine.

DATA SHEET

Inedito linguaggio mediterraneo

L’attico si sviluppa su un unico livello di 290 mq. È dotato di tre camere da letto con bagni privati e di un grande spazio home office. Ed è raccontato con un linguaggio mediterraneo del tutto inedito. Il tradizionale colore bianco domina tutte le stanze e caratterizza in qualsiasi punto le pareti e il soffitto. Comprese le modanature in gesso tono su tono evidenziate da un’illuminazione lineare, e il sottile battiscopa, a contatto con la pavimentazione in wengè. I profili decorativi e la posa a spina chevron dell’assito, che contrasta con le superfici verticali, servono a rimuovere qualsiasi accenno minimalista per reinterpretare l’estetica classica.

SUPPLIERS

  • Kitchen Worktops: Lapitec Lighting
  • Fixtures: Luun, Petridis Lighting
  • Lighting Equipment: iGuzzini, Soraa
  • Wooden Floors: Rouchotas Timber & Parquet
  • Tiles and Vanities: Vokos Tiles Cotto Bath 16
  • Tiles: La Fabbrica, Ava Ceramica, Krinos Ceramica
  • Taps: Linki Stainless Steel Taps
  • Sanitaryware: AeT Ceramica Sanitaryware
  • Cabinets & Wardrobes: MK Wood
  • Furniture: GV Architectural Furniture, Deloudis

Grandi aperture e finestre panoramiche

La casa appare così come un contenitore dai tratti quasi museali. Ritmata da grandi aperture che collegano un locale all’altro e da ampie finestre panoramiche con serramenti bianchi. sembra una galleria d’arte nei quali gli arredi e i complementi possono essere letti alla stregua di una collezione permanente. Quadri contemporanei con cornici nere, sculture, pezzi di antiquariato e lampade a sospensione geometriche contribuiscono a disegnare una sequenza calibrata. Dove gli spazi sono lasciati per lo più vuoti con l’unico obiettivo di enfatizzare i pochi elementi d’arredo.

Top in cucina firmato Lapitec

Completamente total white ad eccezione dei quadri e del pavimento, la cucina si sviluppa in un locale stretto e lungo e presenta un’ampia isola centrale. Attrezzata con zona cottura, lavabo e piano snack integrato. Il top è stato realizzato in Lapitec in finitura Michelangelo Satin. E l’impiego di un’unica lastra di oltre 3 metri di lunghezza ha consentito di dare vita a una superficie continua e senza segni di giunzione.

Anche la costa di 12 mm di spessore presenta la medesima finitura del top, grazie alla composizione a ‘tutta massa’ del Lapitec. Il lavello, il piano e il relativo paraschizzi del sistema a parete, infine, sono sempre realizzati in Lapitec Michelangelo Satin. Per un risultato puro e un’immagine monolitica.

Pietra sinterizzata

Le sottili venature che decorano la superficie rinnovano il desiderio dello studio di architettura di rileggere materiali ed elementi tipici del classicismo, ma in una nuova dimensione. Non più pietra tradizionale, ma pietra sinterizzata. Questo materiale, pur conservando il calore e il fascino propri dei materiali naturali, garantisce prestazioni più elevate, anche in chiave sostenibile.

Sostenibilità come cardine della filosofia di lavoro

La composizione di Lapitec è del tutto priva di inchiostri, resine e altri additivi tossici. Un dettaglio imprescindibile per AK Praxis, membro del Sustainable Building Council della Grecia e azienda BREEAM Licensed Assessor di GreenBookLive, che come l’azienda ha sempre fatto della sostenibilità il cardine della propria filosofia di lavoro.

Cos’è il Lapitec

Lapitec è realizzato con una miscela di minerali naturali, prima fusi a 1.580°C e poi sottoposti a una tecnologia brevettata di vibro-compressione sottovuoto. È disponibile in lastre di grandi dimensioni. Combina le migliori qualità e i vantaggi di ceramica, grès porcellanato, quarzo, marmo e granito. Lapitec è un materiale “a tutta massa”. Esterno e interno sono identici, senza smalto e stampa digitale sulla superficie. Una caratteristica che gli consente di essere lavorato in tutto il suo spessore, con costanza di aspetto e performance. È inoltre facilmente lavorabile e trova impiego nei settori dell’architettura, dell’interior e del product design. Privo di porosità, è resistente al calore e al gelo, ai raggi UV e ai graffi. Non assorbe e impedisce l’annidarsi di sporco, muffe e batteri. Il Lapitec è inoltre incorruttibile nel tempo e non viene aggredito dagli agenti atmosferici e domestici. Dopo la pulizia non evidenzia alcun degrado, mantenendo l’aspetto originale.