Il network tecnico-professionale e progettuale del sistema superficie e rivestimento
La carta da parati di inkiostro bianko ART-AI ti porta in Africa

Inkiostro Bianco presenta ART-AI e WANDER

Avevamo già parlato di Inkiostro bianco, ricordate? Bene, ora torniamo a lei per raccontarvi le due novità con cui hanno inaugurato il nuovo anno. L’azienda, specializzata nella produzione di superfici continue e decorativi artistici, è famosa per la sua reinterpretazione della classica carta da parati. Ecco allora che accanto a una nuova collezione, anche un progetto per i suoi rivenditori e clienti.

Inkiostro bianco carta da parati: la collezione ART-AI

Il 2021 è iniziato con tante idee e creatività e la collezione ART-AI ne è la conferma. Parliamo di una carta da parati molto particolare realizzata in collaborazione con il designer Giuliano Ravazzini e il collettivo ART-AI.

Pezzi unici e irripetibili ci catapultano in Africa, tra ispirazioni artigianali e richiami tribali. Una collezione che recupera una bellezza antica, quella del continente africano, trasformandola in materia senza tempo e che ha il desiderio di trovare un punto di unione tra terre così lontane. Alla base della ricerca artistica, tecniche, colori e forme antiche e l’idea che è possibile dare una rilettura contemporanea a queste decorazioni, avvicinandole al gusto moderno dell’interior design europeo.

Tutte le carte da parati ART-AI si presentano in forma pittorica come se fossero un enigma di segni da decifrare con l’immaginazione. Speciale è anche la modalità di realizzazione che avviene con materiali di scarto da rinnovare.

WANDER, il magazine

E infine ecco la seconda novità: il nuovo magazine, WANDER, disponibile sia in digitale sia in formato cartaceo. Inkiostro bianco lo descrive come un viaggio condiviso tra tappe, incontri e pensieri creativi. Ogni numero è un itinerario sempre diverso e una fonte di ispirazione inesauribile. All’interno, pagina dopo pagina, nuove collezioni, progetti realizzati, collaborazioni con designer, artisti e personalità di rilievo, insieme a numerosi spunti e ispirazioni.

Il primo numero di WANDER è scaricabile gratuitamente

Share